Psicologa Psicoterapeuta Albignasego Padova | Tel: +39 388 2561765 | Mail: studiolaurabastianello@gmail.com

Ansia - Impariamo a conoscerla, Disturbi d'ansia, Problematiche d'ansia, Psicologa Padova

Quando gli attacchi di panico limitano la vita quotidiana.

attacchi-panico-Laura-Bastianello-Psicologa-Padova

“Aveva una strana sensazione alla bocca dello stomaco, come quando si sta nuotando e si vuole mettere i piedi su qualcosa di solido, ma l’acqua è più profonda di quanto si pensi e non c’è niente là sotto”.

J. Gregson

Cosa intendiamo quando parliamo di attacco di panico?

L’Attacco di Panico può essere descritto come un periodo preciso di paura e disagio intensi durante il quale si sviluppano in modo improvviso, raggiungendo il picco nel giro di una decina di minuti, una serie di sintomi. 

Sul piano fisiologico è possibile riscontrare alcuni tra i seguenti fenomeni: palpitazioni, aumento della sudorazione, tremori, difficoltà respiratorie e sensazione di soffocamento, dolori al petto o all’addome, nausea e sensazione di svenimento, formicolii, vampate di calore.

Sul piano del pensiero e delle emozioni, spesso le persone riferiscono di sperimentare paura di impazzire, di perdere il controllo o paura di morire. Talvolta una sensazione di irrealtà rispetto a quanto sta accadendo o il sentirsi in qualche modo distaccati da se stessi.

“Ero in coda per visitare un museo, c’era tanta gente in città per via delle festività natalizie, la coda era davvero lunga, iniziava all’aperto fuori dall’edificio e poi continuava al chiuso. Ho cominciato a sentire caldo, la sciarpa mi dava fastidio, mi sentivo oppressa dalla calca ma non volevo allontanarmi per non perdere il mio posto. Ho iniziato a sentirmi male, mi girava la testa ed avevo la nausea, il cuore batteva sempre più forte, ho avuto una fortissima paura di svenire o peggio. Sono dovuta tornare a casa in fretta e furia, è stato bruttissimo”.

L’attacco di panico può comparire nell’ambito di svariati Disturbi d’Ansia.

A titolo d’esempio nel caso di una Fobia specifica, come la fobia dei ragni, la persona potrebbe arrivare ad un attacco di panico o manifestare sintomi di panico se esposta all’oggetto della propria paura. Oppure nel caso del Disturbo d’Ansia Sociale -che si caratterizza per una marcata e persistente paura di situazioni sociali o di prestazione che ci espongano a sguardi estranei e al possibile giudizio altrui – potrebbe comparire una sintomatologia affine all’attacco di panico nell’affrontare una situazione temuta, come ad esempio il dover tenere un discorso di fronte ad un pubblico.

Possiamo parlare invece di “Disturbo di panico quando gli attacchi di panico si presentano in modo ricorrente (almeno due episodi), inaspettato (ovvero in assenza di situazioni esterne percepite come minacciose o temibili) e appaiono associati a preoccupazioni riguardo a possibili attacchi futuri e/o alle conseguenze negative di tali attacchi.  

Di frequente la persona -nel tentativo di proteggersi dall’insorgenza di nuovi attacchi di panico- tende a modificare il proprio stile di vita evitando situazioni simili a quelle in cui gli attacchi si sono già manifestati ed escludendo contesti in cui potrebbe essere difficile allontanarsi o essere aiutati nell’eventualità di un attacco.

A titolo d’esempio spazi densamente frequentati come piazze e cinema, piuttosto che luoghi da cui possa essere complesso allontanarsi come mezzi pubblici, gallerie, strade a scorrimento veloce, ecc.

Per maggiori informazioni circa il Disturbo di Panico cliccare qui.

Nel mio studio di Albignasego, in qualità di Psicologa Psicoterapeuta, mi occupo di questa tipologia di problematiche di stampo ansioso. La psicoterapia, talvolta in abbinamento con un supporto di tipo farmacologico, può rappresentare un valido aiuto per comprendere il significato di quanto sta accadendo, intervenire sui sintomi e favorire un maggiore senso di controllo e di padronanza circa se stessi e le proprie reazioni.

Dott.ssa Laura Bastianello Psicologa Psicoterapeuta Albignasego Padova

Previous ArticleNext Article