Psicologa Psicoterapeuta Albignasego Padova | Tel: +39 388 2561765 | Mail: studiolaurabastianello@gmail.com

Ansia - Impariamo a conoscerla, Disturbi d'ansia, Problematiche d'ansia, Psicologa Padova

Ansia, carattere ansioso e disturbi d’ansia.

Ansia, carattere ansioso, disturbi d'ansia - Laura Bastianello psicologa psicoterapeuta Albignasego Padova

Ansia, Carattere ansioso, Disturbi d’Ansia: proviamo a fare un po’ di chiarezza.

 

Cosa intendiamo quando parliamo di ansia?

L’ansia rappresenta una delle emozioni fondamentali necessarie alla sopravvivenza della specie umana.

Secondo il celebre psicologo Lazarus l’emozione dell’ansia può essere associata al fatto che la persona ritenga di dover affrontare l’incertezza, qualcosa di minaccioso a livello esistenziale.

Come descritto più estesemente nell’articolo “L’ansia è una malattia? Ansia significato psicologico”, l’ansia quindi non rappresenta di per sé una malattia, un disturbo o qualcosa di negativo per benessere, anzi secondo alcuni autori l’ansia può assumere la funzione di “stimolare il comportamento, spronando l’individuo a cercare nuove soluzioni, a cercare delle strade e delle strategie per chiarire e superare il senso di vaghezza, minaccia, incertezza che sta attraversando.

Cosa intendiamo quando parliamo di carattere ansioso?

Provando a pensare alla propria rete di relazioni, probabilmente ciascuno dei lettori potrà recuperare il ricordo di una o più persone – familiari, amici, colleghi, ecc – che con una certa tranquillità si sentirebbe di definire come ansiose. A ciò si aggiunge che alcuni individui, per primi, descrivono se stessi come ansiosi, quasi come se l’aggettivo ansioso si legasse al loro nome ed alla loro storia “da sempre”.

Proviamo a pensare a frasi di uso comune quali: “sono un tipo ansiosos”, “sai che sono sempre stato ansioso”, “non dirlo alla mamma che è ansiosa”, “ chissà cosa farà la collega appena lo scoprirà, è un tal ansiosa”, ecc.

Vi sono quindi alcune persone che sembrano riconoscere in se stesse o sentirsi attribuire dagli altri un carattere di tipo “ansioso”, trattato come qualcosa di stabile, continuativo, che le contraddistingue e differenzia dagli altri. Nel parlare di “carattere ansioso” gli studiosi fanno riferimento ad aspetti stabili, coerenti e duraturi che la persona si riconosce, che si esprimono attraverso stili di pensiero e comportamenti che perdurano nel tempo ed attraverso le situazioni, rendendo la persona in qualche modo “prevedibile” ai propri occhi e a quelli di chi le sta vicino.

Quali sono alcuni dei comportamenti che ci viene più facile associare

alle persone a cui attribuiamo un “carattere ansioso”?

-La tendenza  a rimuginare – ovvero soffermarsi più e più volte e ritornare con la mente – su eventi passati o presenti ed a preoccuparsi delle loro eventuali conseguenze future.

-La tendenza a cercare rassicurazioni negli altri rispetto ai propri timori e preoccupazioni.

-La tendenza a raccogliere informazioni rispetto alle situazioni o eventi oggetto di “preoccupazione”.

-Una certa propensione a “vigilare” per individuare elementi di rischio, di negatività o di “pericolosità” nelle situazioni, così come a mettere in atto comportamenti volti a “prevenire” tali scenari.

-Una certa difficoltà nell’adattarsi rapidamente ai cambiamenti, soprattutto se non preventivati.

Una puntualizzazione, il significato che per ciascun individuo assume l’adottare certi comportamenti (ad esempio cercare rassicurazioni, piuttosto che rimuginare sui presunti “errori del passato”, piuttosto che cercare informazioni, ecc.) è unico e legato a quella specifica persona con la sua storia, le sue esperienze, il suo modo di vedere il mondo, i suoi valori, le sue credenze.

Dietro a comportamenti “simili” possono esserci prospettive e letture della situazione anche molto diverse.

Cosa intendiamo quando parliamo di Disturbi d’Ansia?

Si tratta di situazioni in cui la persona si trova a sperimentare paura ed ansia eccessive mostrando rilevanti variazioni nei comportamenti abituali. Alcuni tra i principali Disturbi d’Ansia, descritti all’interno del DSM-5 (ovvero il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, 5° edizione, pubblicato dall’American Psychiatric Association) sono:

  • Disturbo d’ansia generalizzato.
  • Disturbo d’ansia sociale.
  • Disturbo di panico.
  • Agorafobia.
  • Fobia specifica.

Quello che accomuna le situazioni che noi definiamo come Disturbi d’Ansia è la presenza di una serie di sintomi, che sono stati analizzati, elencati e codificati dai più eminenti studiosi in materia, i quali compaiono e si manifestano non in maniera saltuaria o occasionale bensì persistente e continuativa, secondo tempistiche specificate per ogni Disturbo.

Quando parliamo di Disturbi ci riferiamo a situazioni in cui, per la persona, la possibilità di portare avanti la propria vita quotidiana così come è sempre stata vissuta viene compromessa.

La persona fatica molto e spesso non riesce a “far funzionare” diversi aspetti della propria vita come prima, parliamo della dimensione lavorativa,  sociale,  familiare, ecc.

Dott.ssa Laura Bastianello

Psicologa Psicoterapeuta Albignasego Padova

Previous ArticleNext Article
x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Accetto Rifiuto Impostazioni della Privacy Ulteriori Informazioni sulla nostra Cookie Policy