Psicologa Psicoterapeuta Albignasego Padova | Tel: +39 388 2561765 | Mail: studiolaurabastianello@gmail.com

Ansia - Impariamo a conoscerla, Disturbi d'ansia, Problematiche d'ansia, Psicoterapia dell'ansia

Quando l’ansia “dilaga a macchia d’olio”: il Disturbo d’Ansia Generalizzato.

Disturbo D'ansia Generalizzato Laura Bastianello Psicologa Psicoterapeuta Albignasego

Attraverso l’esperienza di Mariangela parliamo del Disturbo d’Ansia Generalizzato.

Mariangela e l’“ansia”.

Mariangela conosce bene l’ ansia, non ricorda quando ha avvertito per la prima volta quest’emozione eppure l’ ansia l’ha sempre accompagnata nelle varie aree, fasi ed attività della sua vita. L’ha accompagnata anche attraverso le parole di familiari ed amici: “ma che ansiosa che sei!”, “fai venire l’ansia anche a me”, “ma è possibile che devi sempre pensare male, che vuoi essere l’uccello del malaugurio?” le dicevano. Questi vissuti, seppur a volte faticosi e pesanti, non le avevano impedito di concludere gli studi, trovare lavoro ed un compagno, Enrico. Mariangela ha 30 anni e lavora da dieci anni nella stessa azienda, si trova relativamente bene, ora che conosce meglio il lavoro si sente anche più tranquilla rispetto all’inizio. Il suo compagno Enrico è molto diverso da lei, è intraprendente e deciso, questo all’inizio l’aveva un po’ intimorita poi le ha dato sicurezza. Mariangela sa che si può sempre appoggiare a lui.

La preoccupazione “dilaga a macchia d’olio”.

Mariangela si è sempre considerata una “persona ansiosa” eppure da poco più di sei mesi ha cominciato ad avvertire un aumento di intensità è frequenza dei vissuti d’ansia. Lei dice spesso “le mie preoccupazioni sono dilagate a macchia d’olio”, Mariangela da diversi mesi si sente in uno stato di preoccupazione costante, si stupisce lei stessa del numero di cose per cui può arrivare a provare ansia e preoccupazione.

Le paure e preoccupazioni di Mariangela sembrano spostarsi e transitare tra le diverse aree della sua vita, in alcuni momenti la preoccupazione va verso la condizione economica della sua famiglia (E se io perdessi il lavoro? E se Enrico venisse licenziato?E se le cose ci andassero male? E se andassimo in rovina?), del rapporto di coppia (E se ci allontanassimo? E se si stancasse di me? E se arrivassimo ad una rottura?), della salute (E se ci ammalassimo? E se i miei genitori stessero male? Se qualcuno di noi scoprisse di avere qualcosa di serio?), della possibilità di eventi dannosi ed imprevedibili (E se succedesse qualcosa di brutto? E se facessi un incidente? E se fosse lui a farsi male? E se fossero i miei genitori invece?).

Mariangela si sente tanto stanca, quasi come se “la sua mente in alcuni momenti arrivasse a sfinirla”. La qualità del sonno è peggiorata e durante il giorno fatica a concentrarsi, è inquieta ed irritabile, tante volte “scatta” per niente.

Mariangela non è una persona specifica e reale eppure la sua descrizione dell’ansia e delle preoccupazioni come “dilaganti a macchia d’olio” e il suo stupirsi del “numero di cose per cui ci si può preoccupare” potrebbero  suonare familiari a più di qualcuno.

Come riportato nella sezione “Disturbi d’Ansia” di questo sito, il disturbo d’ansia generalizzato si caratterizza per la presenza di ansia e preoccupazioni eccessive e difficili da controllare, che si manifestano per almeno sei mesi per la maggior parte della giornata e che riguardano una varietà di eventi, situazioni e circostanze della propria vita. 

È come se la persona vivesse in uno stato di preoccupazione costante, seppur con momenti di maggiore e minore intensità, dove il senso di agitazione e preoccupazione si “sposta” tra diverse aree della vita (salute, situazione economica, possibilità di eventi drammatici, ecc). Inoltre vi è la tendenza ad immaginare scenari ed esiti ben più catastrofici di quanto “realisticamente” sia probabile possa accadere e ad intravvedere alti livelli di rischio e pericolo in una grande quantità di contesti. 

L’avvertire la mente in continua attività, che si accompagna ad una tensione a livello corporeo e ad una difficoltà a “rilassarsi”, comprensibilmente favorisce un più rapido consumo di energia fisica e mentale lasciando un senso di “sfinimento” e stanchezza.

La persona comincia  a vedere compromesso il proprio  benessere e funzionamento in diverse aree della vita: familiare, lavorativa, sociale, ecc. Diventa quindi difficile mantenere, portare avanti e “sostenere il peso” delle proprie attività e relazioni quotidiane.

Quali opportunità in terapia?

Il lavoro in terapia ha consentito a Mariangela di acquisire  progressivamente maggiore  consapevolezza relativamente al “senso personale” del suo malessere. Pian piano Mariangela ha messo a fuoco che, considerandosi fin da ragazza una “persona ansiosa”, aveva sempre scelto ad un basso livello di consapevolezza di “contenere” e controllare in qualche modo questa dimensione costruendo un modello di vita basato sulla routine e sul tenersi alla larga dagli stimoli e quindi dai potenziali “pericoli”. Aveva sempre cercato di tenersi al “sicuro”, costruendo delle zone “certe” che conosceva e padroneggiava bene e tenendosi alla larga dalle novità e dai cambiamenti, digeribili solo a piccolissime dosi.

Il lavoro in terapia ha consentito di ricostruire insieme come negli ultimi mesi un avvenimento avesse “minacciato gli argini”che in tanti anni Mariangela aveva faticosamente costruito esponendola al rischio, seppur solo immaginato, di cambiamenti per lei significativi.

La gravidanza della sorella minore di Mariangela e l’entusiamo di Enrico di fronte alla notizia, che aveva cominciato a parlare con lei più concretamente dell’argomento, l’aveva portata ad affacciarsi al tema della maternità e alle paure connesse al cambiamento che un simile scenario, che anche lei desiderava eppure temeva, avrebbe potuto portare nella sua vita e nelle regolarità che si era costruita.

A fronte di vissuti ansiosi e di preoccupazioni eccessiva tante volte la sensazione della persona è quella di un “temporale” che proviene “non si sa da dove” e che invade e squote la vita quotidiana, la storia di Mariangela ci aiuta a riflettere sul fatto che dietro a sintomi ansiosi, talvolta apparentemente inspiegabili,  si possono ricostruire “storie” e “significati” che parlano della vita e dell’esperienza di ciascuno.

La psicoterapia offre l’opportunità di lavorare sull’ansia, recuperando il “senso” del malessere e del disagio che si avverte e ponendo le basi per una maggiore conoscenza e gestione delle proprie emozioni.

Stare bene è possibile?

Proviamo ad immaginare cosa potrebbe succedere se “Mariangela arrivasse a darsi pian piano la possibilità di considerare le alternative, i cambiamenti, le scelte, le nuove opzioni nella sua vita non solo ed esclusivamente come minacce e pericoli ma anche come opportunità di crescita e miglioramento”.

Cosa potrebbe succedere se Mariangela iniziasse a darsi la possibilità di “mettersi in gioco, di uscire dai confini noti e sicuri, di esplorare e di sperimentarsi”.

L’ansia e la preoccupazione eccessive non rappresentano un destino immodificabile, attraverso la psicoterapia – e quando necessario un supporto farmacologico – è possibile lavorare insieme – terapeuta e cliente-  sull’esperienza che la persona vive e sul disagio che porta individuando e costruendo possibilità di gestione per una vita più serena.

Se ritieni che lavorare su questi aspetti possa esserti utile contattami, potremo lavorare insieme per costruire un maggiore benessere.

Dott.ssa Laura Bastianello Psicologa Psicoterapeuta Albignasego

DISTURBO D’ANSIA GENERALIZZATO: quando l’ansia diviene una “presenza” costante.
Cosa intendiamo con Disturbo d’Ansia Generalizzato? Come impatta nell’esperienza dell’individuo?Parliamo di un disturbo in cui la persona avverte ansia e preoccupazione eccessive e difficili da controllare. Questi vissuti non sono occasionali ma si manifestano …
Ansia: preoccuparsene o occuparsene?
Avete mai riflettuto sulla differenza tra “preoccuparsi di qualcosa” ed “occuparsi di qualcosa”?
Perché può essere così ansiogena l’idea di dire no?
Per molte persone è davvero difficile dire di no, rifiutare proposte, richieste o favori che arrivano dagli altri. La sola idea di rifiutare è accompagnata da emozioni molto forti di ansia, colpa, paura e …
Ansia sociale: quando gli altri fanno “paura”.
Ansia sociale: quanto costa “proteggersi” da un mondo esterno percepito come pericoloso, giudicante e pronto a coglierle in fallo.
E se non ce la facessi? Quando l’ansia ci blocca prima ancora di provare.
Perchè a volte si rinuncia a provarci per il timore di non farcela?
Perché mi sembra che gli altri non capiscano la mia ansia
MARINA Marina vive il proprio lavoro con grande intensità, pur avendo un ruolo da dipendente sente distintamente sulle proprie spalle il peso della responsabilità rispetto al lavoro e all’andamento del proprio ufficio. Vive con …
Ansia: piccoli obiettivi raggiungibili
Strategie di gestione dell’ansia Ho avuto l’opportunità di lavorare a lungo con gruppi di persone disoccupate. Spesso si trattava di persone che avevano lavorato con continuità per tanti anni ritrovandosi dall’oggi al domani, per …
Ansia: ricordiamoci di respirare
Strategie di gestione dell’ansia. Psicologa Psicoterapeuta problematiche d’ansia     Quando l’ansia si fa sentire e perdiamo lucidità, ricordiamoci di respirare. Nei momenti di ansia, preoccupazione e apprensione viviamo un’esperienza complessa, composita di emozioni, …
Ansia: i benefici della scrittura
Strategie di gestione dell’ansia C’è un periodo della vita, solitamente durante le scuole elementari, in cui molti bambini di ieri e di oggi sono stati e sono tuttora incoraggiati a tenere un “diario segreto”. …
Ansia: “rimanere indietro”, con la mente che “corre in avanti”.
In che modo si manifesta l’ansia? Nell’articolo sui costi dell’ansia, per l’individuo e per la comunità, abbiamo delineato alcune delle implicazioni associate alle problematiche ansiose. Una in particolare, seppur apparentemente sottile e difficile da …
Coronavirus: sei strategie per affrontare le restrizioni
Nell’articolo “Coronavirus: come impatta su di noi l’incertezza?” abbiamo parlato della dimensione del “controllo”, ovvero la necessità tipicamente umana di sentire di poter prevedere ed in qualche modo gestire le situazioni e gli eventi. …
Coronavirus: come impatta su di noi l’incertezza?
Perchè l’incertezza ci rende così ansiosi? Cosa è possibile fare per fronteggiare queste sensazioni? Il periodo che stiamo attraversando porta ad affrontare delle variazioni nel nostro abituale stile di vita che per molti, soprattutto …
Previous Article
x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Accetto Rifiuto Impostazioni della Privacy Ulteriori Informazioni sulla nostra Cookie Policy